Il libro di marzo

Dopo tante titubanze cerchiamo di fare chiarezza dicendo subito che il libro che leggeremo e di cui parleremo mercoledì 11 marzo alle 7 di sera  presso la Memo è Il bagno rituale di Faye Kellerman. Come ormai saprete se ci seguite su fb, il libro è fuori commercio e nelle nostre biblioteche non si trova ma stiamo cercando di risolvere la situazione dandovi due possibilità. Nel caso voleste comprare una copia del romanzo potete trovarlo sul libraccio.it o su amazon.it o altrimenti ci stiamo muovendo per comprarne una da tenere in mediateca.
Questo è il primo libro di una serie di romanzi polizieschi di cui sono protagonisti Rina Lazarus, ebrea osservante, e Peter Decker, detective della polizia di Los Angeles.
“È una calda notte d’estate. Nel quartiere ebraico ortodosso di Los Angeles, appena fuori la mikvah, dove le donne ebree fanno il loro rituale bagno di purificazione, si consuma un brutale e inspiegabile stupro. Il detective Peter Decker non ha mai avuto a che fare con un caso così strano: nessun indizio, nessun testimone, nessun movente nel quartiere più discreto e pacifico della città. Forse un attacco di natura antisemita. Rina Lazarus. la donna che gestisce la mikvah e che ha trovato il corpo della sua amica, aiuterà Decker a scoprire la verità ritrovandosi coinvolta in un vortice di sospetti e violenza. Tra i due nasce un’intensa collaborazione e un’attrazione sofferta, che cresce tra le difficoltà dei rigidi precetti religiosi e la paura, fino ad arrivare a una rivelazione terrificante”.

il bagno ritualeTrama tratta da ibs.it

Buona lettura a tutti

Annunci

Informazioni su gruppodiletturafano

bibliotecaria
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il libro di marzo

  1. ettoremar ha detto:

    Ho scoperto Faye Kellerman perché ho acquistato la collana “GIRO DEL MONDO IN NOIR” edita dal Gruppo L’Espresso la scorsa estate; come vi dissi all’ultimo incontro, il libro mi è piaciuto molto perché intriso di rimandi alla cultura e alla religione ebraica: “dai suoi romanzi -scrive nella prefazione il traduttore, l’ottimo Piero Corsini – si può imparare moltissimo: sulle mille interpretazioni dell’ebraismo (inteso sia come fede che come insieme di regole etiche e comportamentali), sull’urgenza di ragionare sulle proprie radici come punto di riferimento per un’esistenza che abbia significato, sui pericoli che continuano a nascondersi nell’eterna tentazione al pregiudizio e agli stereotipi. ….Ma soprattutto, – aggiunge Corsini – immerge il lettore – oltre che nell’eponimo bagno rituale – in una cultura a molti del tutto sconosciuta, benché così significativa (specialmente per noialtri europei) per il pensiero e la Storia del XX secolo.”

    Mi sembrava doveroso citare queste poche righe scritte dal traduttore dell’edizione in mano mia, per giustificare, anche se non ce n’era bisogno, la mia scelta.
    Visto la difficoltà di reperimento (di cui non sapevo nulla) posso prestare la mia copia.
    Ettore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...