Fine pena: ora

Il libro di agosto è Fine pena: ora di Elvio Fassone.
Non è il solito libro da leggere sotto l’ombrellone ma l’abbiamo scelto perché è un libro doloroso e vero. Vero per il linguaggio e vero perché tratto da una storia vera, una storia italiana. E’ un libro sulla detenzione, sul carcere, su due uomini che si scriveranno per 26 anni. I due si incontrano nel 1985 quando Elvio Fassone presiede a Torino, in Corte d’Assise, un maxi processo, 242 imputati della mafia catanese. Salvatore ha 27 anni, è sotto giudizio per un’infinità di delitti efferati. L’udienza è tolta, ma non per Fassone. Salvatore, condannato all’ergastolo, gli è rimasto in mente e così decide di scrivergli. Un rapporto epistolare che ci presenta la situazione della giustizia italiana e delle carceri meglio di qualsiasi trattato.  


fine pena ora

«La detenzione, ove non mitigata da un trattamento educativo reale, è una morte parziale, l’asportazione di una porzione di vita»

Ne parleremo insieme mercoledì 10 agosto alle 19 alla Memo

Buona lettura

Annunci

Informazioni su gruppodiletturafano

bibliotecaria
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...