A giugno leggiamo…

Rigenerati dall’inizio della bella stagione e pronti a leggere all’aria aperta,  Un mercoledì da lettori sceglie due titoli per questo mese:
Arto Paasilinna col suo Piccoli suicidi tra amici e Nick Hornby con Non buttiamoci giù. 

I libri sono accomunati dalla tematica, il suicidio, dallo humor con cui viene descritta la situazione tragica di partenza e dalla volontà di essere un manifesto di accettazione e inno alla vita.

piccoli suicidi tra amiciCi sono momenti in cui i ripetuti insuccessi, un matrimonio a rotoli, lo stress, la solitudine sembrano davvero troppo per conservare la voglia di vivere: non è meglio farla finita e andarsene da questo mondo che pare sempre meno “un luogo adatto all’uomo”? Seduto sui gradini di casa con una bottiglia di birra in mano, il direttore Onni Rellonen, imprenditore fallito, decide di dire basta a “quel suo vivacchiare privo di senso”. Ma cosa succede se il fienile scelto per “il botto finale” è già occupato da un colonnello a riposo risoluto a mettere fine ai suoi giorni? Non ci saranno anche molti altri nelle stesse condizioni, con cui varrebbe la pena di spartire timori, rischi e spese, per un dignitoso suicidio collettivo? E così, caricati sulla Saetta della Morte, lussuoso pullman dotato dei più desiderabili comfort, trentatré selezionati aspiranti suicidi partono per un viaggio che li porterà da un capo all’altro dell’Europa alla ricerca del migliore strapiombo da cui lanciarsi nel vuoto. Sotto il comando del colonnello Kemppainen, frustrato da un’epoca “così profondamente pacifica”, con l’assistenza di Rellonen e della fidata vicepreside Helena Puusaari, conturbante trentacinquenne dai capelli rossi con l’hobby di struggenti passeggiate nei cimiteri, la Libera Associazione Morituri Anonimi raccoglie i più disparati e folli personaggi, decisi, come il Vatanen dell’Anno della Lepre, a tagliare tutti i legami di un’esistenza che li ha delusi e maltrattati, per la libera avventura di un fatale Grand Tour, che diventerà presto il più gioioso manifesto della voglia di vivere. Dalle falesie di Capo Nord ai burroni del Furka, fino all’estrema punta dell’Algarve, tra spericolate avventure, amicizie, solidarietà e nuovi amori, la banda degli apprendisti suicidi sarà immancabilmente raggiunta dall’irriducibile nemico da cui ha tentato di fuggire: la vita. Perché “si può scherzare con la morte, ma con la vita no. Evviva!” Parola di Paasilinna.

Tratto da http://iperborea.com/titolo/139/

non buttiamoci giùE’ la notte di Capodanno quando, in cima a un palazzo di Londra, quattro sconosciuti si incontrano per caso: non hanno niente in comune se non la ferma intenzione di buttarsi giù, ognuno per i suoi buoni motivi. Per Martin si tratta di reputazione distrutta; per Maureen di una vita impossibile con un figlio disabile; per Jess di disperazione adolescenziale; per JJ di fallimento professionale e sentimentale. Ma l’incontro in quell’ultimo istante è destinato a cambiare, anche solo di un pò le loro vite: e dopo vivaci e paradossali discussioni, i quattro aspiranti suicidi scendono per le scale, uniti da una complicità nuova e imprevedibile… E le loro avventure cominciano, alla ricerca di nuovi motivi per continuare a vivere, anche quando farlo sembrava impossibile…

Tratto da http://www.lafeltrinelli.it/libri/nick-hornby/non-buttiamoci-giu/9788860880253?zanpid=2168002813224360960&gclid=CO6e24HZ48wCFYIK0wod0RcANw

Ci vediamo alla Mediateca Montanari alle 19.00 di mercoledì 8 giugno.

Buona lettura!

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

2084. La fine del mondo

Dopo la festa di domenica 6 marzo, riprendono gli appuntamenti del mercoledì. Mercoledì 13 aprile alle 19.00 parleremo di 2084. La fine del mondo. Un libro coraggioso scritto dall’algerino Boualem Sansal, attivo nella condanna del fondamentalismo islamico. Sansal vive vicino ad Algeri, nonostante lui e la sua famiglia vengano minacciati e i suoi libri non vengano pubblicati in patria. Questo libro, nello specifico, ha suscitato discussioni tra chi l’ha visto come un atto di accusa contro l’Islam e chi invece come una denuncia della decadenza occidentale. Quello che è certo è che il titolo richiama esplicitamente 1984 di George Orwell, come dichiara lo stesso scrittore.
Per conoscere meglio il romanzo e il suo autore vi consigliamo di leggere una sua recente intervista.
http://www.huffingtonpost.it/2016/03/04/2084-boualem-sansal_n_9381564.html

2084Buona lettura!

Pubblicato in Avvisi, Consigli di lettura, Eventi | Lascia un commento

A libro aperto

A libro aperto, storie di lettura e lettori, è una festa che stiamo organizzando per voi e per tutti quelli che amano leggere e parlare di libri. Il 6 marzo dalle 3 del pomeriggio fino alle 7 di sera siete tutti invitati alla Mediateca Montanari per festeggiarecartolina_fronte_1_01-page-001 Un mercoledì da lettori che compie 5 anni. Non saremo da soli, parteciperanno anche altri gruppi di lettura della zona. La giornata sarà ricca di attività e momenti di svago e un incontro graditissimo con Fabio Stassi, scrittore e bibliotecario. Per questo motivo l’incontro mensile del nostro gruppo cambierà giorno, eccezionalmente per questo mese, e si svolgerà alle tre in contemporanea con gli altri gruppi di lettura che partecipano alla festa. Durante questo momento parleremo del libro de L’ultimo ballo di Charlot di Stassi finalista al premio strega del 2013. 

In una sera di Natale la Morte va a trovare Charlie Chaplin nella sua casa in Svizzera. Il grande attore e regista ha passato gli ottant’anni ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere accanto a sé. In un lampo di coraggio Chaplin propone un patto alla Vecchia Signora: se riuscirà a farla ridere si sarà guadagnato un anno di vita. Inizia così un singolare balletto con la Morte, e quella notte a salvarlo non sarà la tecnical'ultimo ballo di charlot consumata dell’attore ma la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. La questione però è solo rinviata: anno dopo anno, a Natale, la Vecchia tornerà a reclamarlo e bisognerà trovare il modo di suscitarle almeno una risata. Nell’attesa dell’incontro fatale Chaplin scrive una lunga e appassionata lettera al figlio. Vuole raccontargli la storia vera del suo passato, quella che nessuno ha mai ascoltato, ed ecco che dalle sue parole scaturisce l’avventura rocambolesca di una vita e il ritratto di un’epoca rivoluzionaria.
Trama tratta da ibs.it

Tutti possono partecipare, l’ingresso è libero. Vi aspettiamo per festeggiare insieme!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Oblomov

Questo mese leggeremo un capolavoro della letteratura russa: Oblomov di Goncarov.
La proposta  è nata durante l’incontro di gennaio da una nostra lettrice che ha individuato delle similitudini tra il personaggio dell’ultimo libro di Pamuk, La stranezza che ho nella testa, e il protagonista del romanzo di Goncarov.

Oblomovob è stato pubblicato nel 1859 e la fama del suo scrittore è principalmente legata a questo libro.
Famoso è rimasto anche il film che ne trasse Nikita Michalkov nel 1979.

Oblomov narra la storia di un proprietario terriero russo segnato da un’inerzia fisica e spirituale che lo condanna all’inazione e alla rinuncia verso ogni forma di lotta. Per il personaggio è stato coniato il termine oblomovismo, che indica un atteggiamento apatico e indolente.

Non manca a oblomov-4questo libro l’umorismo che si manifesta nei battibecchi tra Oblomov e il suo servitore Zachar che si lamenta della pigrizia del padrone. I dialoghi tra questi e i personaggi che vanno a trovare Oblomov nella sua stanza polverosa ne fanno l’ideale scenario di una pièce teatrale e questa caratteristica ha fatto sì che questo romanzo fosse rappresentato anche a teatro. 

Ci vediamo per approfondire il discorso mercoledì 10 febbraio alle ore 19.00 al Memo Caffè. 

Buona Lettura!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La stranezza che ho nella testa

Dopo le vicende di cronaca che hanno visto coinvolte Turchia e Russia, abbiamo scelto di dedicarci alla lettura dell’ultimo libro del nobel turco Orhan Pamuk, La stranezza che ho nella testa. 

“… Pamuk hla stranezza che ho nella testaa fatto della sua città, Istanbul, il personalissimo teatro in cui
mettere in scena l’universale dei destini umani. Con La stranezza che ho nella testa ha saputo scrivere un romanzo rutilante in cui le storiepiccole di uomini e donne comuni hanno la forza irresistibile della Storia di tutti.”

Tratto da http://www.einaudi.it/libri/libro/orhan-pamuk/la-stranezza-che-ho-nella-testa/978880620755

Vi auguriamo buone feste e vi diamo appuntamento al nuovo anno, come sempre ogni secondo mercoledì del mese. Buona lettura!

 

 

 

 

Pubblicato in Avvisi, Consigli di lettura, Eventi | Lascia un commento

Ragazzi di vita

Sono passati 40 anni dalla morte di Pier Paolo Pasolini. Anche noi vogliamo ricordarlo e lo facciamo a modo nostro, proponendovi la lettura di Ragazzi di vita, romanzo che gli valse nel 1955  un processo per pornografia perché parlava di prostituzione maschile. La sentenza ne decretò l’assoluzione con formula piena, grazie anche alla testimonianza di Carlo Bo che aveva dichiarato essere il libro ricco di valori religiosi “perché spinge alla pietà verso i poveri e i diseredati” e che non contiene nulla di osceno perché “i dialoghi sono dialoghi di ragazzi e l’autore ha sentito la necessità di rappresentarli così come in realtà”.

“Era una caldissima giornata di luglio. Il Riccetto che doveva farsi la prima comunione e la cresima, s’era alzato già alle cinque; ma mentre scendeva giù per via Donna Olimpia coi calzoni lunghi grigi e la camicetta bianca, piuttosto che un comunicando o un soldato di Gesù pareva un pischello quando se ne va acchittato pei lungoteveri a rimorchiare. Con una compagnia di maschi uguali a lui, tutti vestiti di bianco, scese giù alla chiesa della Divina Provvidenza, dove alle nove Don Pizzuto gli fece la comunione e alle undici il Vescovo lo cresimò. Il Riccetto però aveva una gran prescia di tagliare: da Monteverde giù alla ragazzi di vitastazione di Trastevere non si sentiva che un solo continuo rumore di macchine. Si sentivano i clacson e i motori che sprangavano su per le salite e le curve, empiendo la periferia già bruciata dal sole della prima mattina con un rombo assordante. Appena finito il sermoncino del Vescovo, Don Pizzuto e due tre chierici giovani portarono i ragazzi nel cortile del ricreatorio per fare le fotografie: il Vescovo camminava fra loro benedicendo i familiari dei ragazzi che s’inginocchiavano al suo passaggio. Il Riccetto si sentiva rodere, lì in mezzo, e si decise a piantare tutti: uscì per la chiesa vuota, ma sulla porta incontrò il compare che gli disse: «Aòh, addò vai?» «A casa vado,» fece il Riccetto, «tengo fame.» «Vie’ a casa mia, no, a fijo de na mignotta,» gli gridò dietro il compare, «che ce sta er pranzo ». Ma il Riccetto non lo filò per niente e corse via sull’asfalto che bolliva al sole. Tutta Roma era un solo rombo: solo lì su in alto, c’era silenzio, ma era carico come una mina. Il Riccetto s’andò a cambiare.”

Appuntamento a mercoledì 9 dicembre.

Buona lettura!

Pubblicato in Avvisi, Consigli di lettura, Uncategorized | Lascia un commento

Cavalli selvaggi

Cavalli selvaggi di Cormac McCarthy è l’ultimo libro scelto dal GDL.

Scritto nelcavalli selvaggi 1992, il romanzo di McCarthy è un western seppure ambientato nel 1949 dove il cavallo è il protagonista. E’ il primo romanzo della Trilogia della frontiera (Cavalli selvaggiOltre il confine e Città della pianura). La trilogia ruota intorno alle avventure e alle vicende formative di due giovani cowboy, John Grady Cole e Billy Parham, ed è ambientata principalmente lungo il confine tra Texas e Messico.

Se vi abbiamo incuriosito almeno un po’, leggete il romanzo e partecipate al prossimo incontro di Un mercoledì da lettori che si terrà mercoledì 11 novembre alle 19.00 alla Memo

Buona lettura!

Pubblicato in Avvisi, Consigli di lettura | 2 commenti